cover
Verena Böhme, Raffaele Bracalenti, Katherine M. Forsyth, Jan Geisbush, Susanne Küchler, Vanja M.K. Stenius
Porta Portese. Il mercato locale, l'immigrazione e la diversità
EdUP, Roma

Che l'immigrazione trasformi le città è cosa certa. Ma come, e in quale direzione? Al di là delle immagini più scontate, quanto Roma è cambiata? Esquilino e Parioli non sono andati incontro alle stesse trasformazioni e non è facile afferrare in un colpo d'occhio l'essenza di una nuova romanità, cosmopolita e multietnica, più vicina alla multirazzialità della Roma imperiale che alla provinciale Roma papalina. Di qui l'idea di cogliere le trasformazioni avvenute a Roma studiando un luogo – un mercato all'aperto – spazio pubblico, denso, carico di valenze storiche e culturali, ed espressione di una romanità trasteverina, qual è Porta Portese. Il volume presenta in versione bilingue due recenti studi di carattere storico ed analitico, intitolati: Porta Portese e l'immigrazione a Roma: un mercato fra tradizione e cambiamento – Porta Portese and immigration in Rome: A market of traditions and changes (realizzato per l'Istituto Psicoanalitico per le Ricerche Sociali da Verena Böhme, Raffaele Bracalenti, Katherine M. Forsyth e Vanja M.K. Stenius) e Porta Portese: le forme della diversità etnica – Mapping Diversity: the case of Porta Portese (realizzato da Susanne Küchler e Jan Geisbusch dell'University College London). Entrambi i lavori sono stati condotti nel 2007, nell'ambito del settore di ricerca "Il dialogo culturale attraverso la governance: la diversità nell'arena politica" (Cultural dialogue through governance: diversity in the political arena) diretto da Raffaele Bracalenti, all'interno del Network of Excellence SUS.DIV "Sustainable Development in a diverse World", col contributo del Comune di Roma e la consulenza di Claudio Rossi.

In vendita in libreria